News

The Blackfin Shelter Sustainable Factory, un’eccellenza in termini di qualità e sostenibilità

Blackfin
Il noto marchio di occhiali in titanio di Taibon Agordino è stato insignito dell’ambita certificazione di sostenibilità Work&Life CasaClima, il protocollo dell’Agenzia CasaClima dedicato a strutture adibite a uffici e servizi.

Si è svolta oggi, 10 novembre 2023, la cerimonia per la consegna dell’ambita targhetta CasaClima Work&Life presso la sede del produttore di occhiali a Taibon Agordino. Tra le molte autorità intervenute al momento solenne, anche la Sindaca Silvia Tormen, nonché il Direttore dell’Agenzia CasaClima di Bolzano Ulrich Santa, che ha consegnato la targhetta di sostenibilità Work&Life.

The Black Shelter
Si chiama così l’headquarter di Blackfin - progettato dallo studio Anidride Design -, un edificio che negli anni Sessanta è stato trasformato da ex cartiera a fabbrica per la produzione di montature, prevalentemente in metallo. Una fabbrica di occhiali, nata come produzione per conto terzi, che negli anni è diventata un brand indipendente, un laboratorio di ricerca che ha scelto il titanio come materiale d’elezione. La produzione è interamente dedicata al marchio Blackfin, nato nel 2008 e oggi sinonimo di eccellenza per le montature in titanio, realizzate all’interno della propria sede produttiva tra le Dolomiti.

L’ampliamento
Nel 2018 si fa concreta l’idea di ampliare lo stabilimento sia nella parte di produzione e logistica, che nella parte direzionale. La volontà era quella di realizzare un'opera che potesse rappresentare il luogo adatto per proseguire nella strada di eccellenza e di internazionalizzazione intrapresa dall’azienda.

L’attuale configurazione
La forma finale è quella di un monolite che trova nella copertura il suo quinto prospetto, dato che la visuale dall’alto è una delle più apprezzate, tenendo conto della posizione dell’edificio. Lo skyline del tetto richiama il profilo delle Dolomiti circostanti, linee tese e sbalzi pronunciati che dialogano con la verticalità del paesaggio, un linguaggio duro che rappresenta il territorio alpino in una connessione diretta, senza filtri. Una chiara dichiarazione architettonico-materica che è emblema dell’odi et amo del vivere e lavorare in luoghi difficili ma valoriali, come quelli di montagna.

“La certificazione è uno strumento per introdurre all’interno di queste strutture, misure tecniche e strategiche di gestione coerenti con uno sviluppo rispettoso e consapevole”, ha spiegato Ulrich Santa, Direttore di CasaClima. “Il sigillo segue un approccio olistico e si basa sui tre pilastri della sostenibilità: ecologia, economia e aspetti socio-culturali. Il catalogo dei criteri Work&Life mira dunque non solo alla riduzione dell’impatto ambientale di una struttura e della sua gestione, ma mette nel centro dell’attenzione sempre di più anche l’uomo e il suo benessere.”, ha continuato Santa.

Nicola Del Din, CEO di Blackfin ha dichiarato “A tutti gli effetti questo edificio è una dichiarazione d’amore verso il nostro passato, le nostre persone e le loro grandi competenze. Ma è anche una dichiarazione d’intenti in favore dei tanti progetti e obiettivi che ancora sogniamo di realizzare. Lo abbiamo concepito e realizzato partendo dalla volontà di rispettare il territorio che ci ospita e che ci dà lo stimolo per fare ogni giorno il nostro lavoro con impegno e passione. Siamo dunque profondamente grati e orgogliosi per questo riconoscimento che nei suoi tre pilasti sintetizza ciò che per noi rappresenta il neomadeinitaly, ossia il nostro credo nell’agire in modo cosciente, responsabile e consapevole verso l’ambiente, le persone e la società”.

“Eccezionale la capacità di Blackfin di integrarsi nel contesto ambientale, valorizzandolo. L’amore per il nostro territorio, così unico, vive nel loro prodotto e si estende nel Black Shelter, nelle sue forme, nei colori, nei materiali e nella sua capacità di non impattare con la natura che lo circonda. È un onore e un’opportunità avere Blackfin a Taibon.”, ha dichiarato la Sindaca Silvia Tormen.

Gli architetti Nicola De Pellegrini e Giovanni Bez di Anidride Design hanno sottolineato “La nostra volontà era far sì che l’architettura del Black Shelter fosse un’esperienza di luci, colori e ritmo per chi la vive ogni giorno. Il disegno ha seguito i criteri progettuali di Casa Clima Work&Life adottando soluzioni tecniche in linea con uno sviluppo consapevole e ottenendo la certificazione per aver rispettato i pilastri della sostenibilità: ecologia, economia e aspetti socio-culturali che corrispondono ai concetti di natura, trasparenza e vita”.
 
Nella foto da sinistra verso destra: Giancarlo Recchia, CFO di Blackfin, Giovanni Bez di Anidride Design, Nicola Del Din, CEO Blackfin, Ulrich Santa, Direttore CasaClima.